Casaleggio minimizza il caso Milano: “Ci sono problemi più grandi nel mondo”

M5S
Cattura

Gianroberto Casaleggio parla con i giornalisti all’intitolazione del giardino a Franca Rame

All’intitolazione del giardino a Franca Rame era presente anche Gianroberto Casaleggio. E’ lì con Dario Fo, uno dei primi ad aver criticato la scelta di Patrizia Bedori per la corsa a Milano ma prova a tenersi fuori dal dibattito e dalle polemiche e parla di “scelta personale”. A proposito delle indicazioni per scegliere il nuovo candidato sindaco, aggiunge: “Le daremo nei prossimi giorni, dopo avere sentito un po’ di persone del movimento”.
Poi ha aggiunto che il candidato sindaco M5S sarà “in ogni caso una persona della società civile, non un manager”. E’ chiaro che i vertici considerano Milano una partita già persa, sia per come sono andate le cose sia per i tempi molto stretti. Sicuramente più concentrati sulla partita di Roma, dove i pentastellati hanno serie chance di arrivare a governare la loro prima grande città. Ma a Milano si punta comunque a non scendere sotto una determinata soglia e a non perdere la faccia nella selezione del nuovo candidato. “Valuteremo e faremo una scelta nei prossimi giorni dopo aver sentito un po’ di persone del Movimento”. Dice con freddezza il guru e cofondatore del movimento, “ci sono problemi più grandi nel mondo” della candidatura M5s per palazzo Marino, e il problema “non è così rilevante”.
L’ipotesi più concreta è che si possa procedere con una nuova votazione, questa volta, però, da tenersi online. Un ambito che risulta più tranquillizzante (e meno rischioso). Ricordiamo, infatti, come le primarie dei Cinquestelle siano stato un vero e proprio flop,  non solo per come sono andate le cose ma per la scarsa partecipazione: solo 300 elettori che fecero vincere per 74 preferenze la Bedori.Casaleggio fa sfoggio comunque di ottimismo e a chi gli fa notare che l’immagine che è passata non è eccezionale risponde “Vedremo dopo le amministrative quale sarà l’immagine del movimento”. E sull’ottimismo anche per la partita di Milano risponde al giornalista, dopo alcuni lunghissimi secondi di silenzio: “Lei fa troppe domande”.

 

Vedi anche

Altri articoli