Caos Colosseo, i giornali non fanno sconti ai sindacati

#5TopNews
Turisti in fila in attesa di visitare il Colosseo la cui apertura, insieme a quella di altri dei siti, è stata ritardata alle 11:30, per via di un'assemblea sindacale, Roma, 18 Settembre 2015. ANSA/ MASSIMO PERCOSSI

Le notizie più importanti sui quotidiani di oggi, una breve rassegna della stampa nazionale

Caos Colosseo

La chiusura del Colosseo e dei Fori Imperiali per un’assemblea è una delle principali notizie che spiccano sui giornali di oggi. Tutti risultano concordi nel condannare l’iniziativa sindacale che ha costretto migliaia di turisti a lunghe code. “Colosseo chiuso, interviene il governo” titola La Stampa evidenziando la reazione di Palazzo Chigi che tramite un decreto, di fatto, limita la possibilità di scioperare nei beni culturali, equiparandoli a servizi pubblici essenziali.
La misura, approvata dal governo a poche ore di distanza dalla polemica, viene sottolineata anche dall’apertura de Il Messaggero ‘Colosseo chiuso, il pugno di Renzi’.
‘Tutto il mondo politico applude, la Cgil parla di attacco alla democrazia’, recita invece l’occhiello dell’apertura del Manifesto. Un gioco di parole poi, ispirato dalla frase con cui i gladiatori si rivolgevano dal centro dell’arena del Colosseo, emerge dalle colonne del Tempo “Morituristi te salutant”. E ancora, la scelta del Resto del Carlino: ‘Musei, scudo anti scioperi’


Il governo alza le stime di crescita dell’Italia 

Sulle prime pagine c’è un’altra notizia che arriva dal Consiglio dei ministri di ieri: la Nota di aggiornamento del Documento di Economia e Finanza, spina dorsale dell’imminente Legge di Stabilità. Cosa è emerso? Il governo ha alzato le stime di crescita e chiederà più flessibilità all’Ue. Sulla direzione dell’economia Renzi non ha dubbi: “l’Italia ha svoltato”. “Deficit più alto. Meno tasse per la crescita” titola il Corriere della sera. “Manovra, ora il tesoretto sale a 16 miliardi” è invece la valutazione de La Repubblica che sceglie di sottolineare le nuove risorse derivanti dall’aumento della flessibilità dei conti.


Passi avanti per il ddl Boschi

A tenere banco sulla stampa nazionale, c’è ancora un altro argomento che riguarda la conferenza stampa del Consiglio dei ministri di ieri: la riforma del Senato. Oltre a quelli economici, il premier ha parlato infatti anche di numeri politici. “I numeri ci sono così come ci sono sempre stati” risponde Renzi a chi mette in discussione la capacità del governo di approvare la riforma costituzionale. Dopo giorni di tensione, ci sono spiragli di intesa tra maggioranza e minoranza del Pd sul discusso articolo 2. Intanto Forza Italia è alle prese con i dissidenti pronti a votare il ddl Boschi.
“Riforme, l’accordo è più vicino. Bersani apre al lodo sull’articolo 2” titola La Repubblica. Possibilista anche il Corriere della Sera che scrive “Senato, la trattativa avanza. Finocchiaro: accordo nel Pd e in Aula, ci sono le condizioni”. “Tutti a casa” è invece il commento de Il Giorno che mostra una foto sul taglio centrale con i banchi vuoti del M5S nell’Aula del Senato. “Aula vuota, l’ipocrisia di chi invocava un dibattito”, è la postilla. “Bersani apre alla proposta di Renzi, Grasso auspica l’intesa” scrive infine Il Sole 24 Ore.


Un nuovo sondaggio certifica la fiducia nel governo

Restando sui temi politici, c’è da sottolineare anche il nuovo sondaggio di Ipsos per il Corriere della Sera.Governo, risale la fiducia. Pd e Forza Italia in ripresa” titola il giornale diretto da Luciano Fontana. Torna a crescere la fiducia in Renzi che guadagna 5 punti da luglio e sale al 37%. Salvini ne perde 4 e il Pd si attesta al 33%. “Il miglioramento dell’economia e le prospettiva di ridurre le tasse – spiega Paglioncelli sulle colonne del Corriere – rappresentano segnali che fanno intravedere la luce in fondo al tunnel della crisi”.


Crisi migranti

Su alcuni quotidiani, continua comunque a non mancare il racconto della drammatica situazione dei migliaia di migranti ammassati ai confini tra la Croazia e Ungheria. Il flusso dai Balcani investe Zagabria che decide di aprire un corridoio trasportando centinaia di persone verso Budapest. Orban reagisce e ordina la costruzione di un altro muro lungo la frontiera croata.
“I migranti via dalla Croazia, è allarme a Trieste e Gorizia” titola Il Messaggero.  Mentre per Il Piccolo di Trieste “La Croazia è al collasso, l’Ungheria costruisce un altro muro”.


Infine una nota sportiva: ieri ha preso il via il campionato del mondo di Rugby con i padroni di casa, l’Inghilterra che a fatica ha battuto Fiji, oggi tocca all’Italrugby.

Vedi anche

Altri articoli