Cannabis legale, l’Italia inizia a crederci

Sondaggi
EPA/BRITTA PEDERSEN

Vent’anni fa solo un quarto della popolazione era favorevole alla legalizzazione. La quota, in crescita dal 2007, oggi è al 46%. Un terzo degli italiani resta totalmente contrario

Legalizzare o non legalizzare la cannabis? Il dibattito ha una lunga storia che origina dagli ultimi decenni del secolo scorso. Dal 1997 a oggi l’accordo o il disaccordo sulla legalizzazione delle droghe leggere ha subito una significativa evoluzione. Quattro lustri fa solo un quarto della popolazione era favorevole a tale ipotesi. Una posizione minoritaria che è rimasta tale fino a metà del primo decennio del XXI secolo. A partire dal 2007 (anno successivo alla legge Fini-Giovanardi e agli inasprimenti punitivi da essa introdotti) si registra una costante salita dei favorevoli, che arrivano a un terzo dell’opinione pubblica nel 2010, per salire al 43% nel 2014 (anno in cui la Consulta boccia la Fini-Giovanardi) e al 46% di quest’anno. Nell’arco di venti anni è avvenuto un deciso mutamento di opinione, con il raddoppio della spinta aperturista, mentre il fronte avverso ha vissuto un progressivo prosciugamento.

grafico_1

Il tema presenta differenti sfaccettature. Le droghe leggere – ha affermato recentemente Roberto Saviano – sono merce di scambio tra terroristi e organizzazioni criminali. Per questo la legalizzazione indebolirà le mafie.

grafico_2Un argomento che convince buona parte dell’opinione pubblica (50%) e che va analizzato con attenzione. I favorevoli alla legalizzazione per colpire le mafie sono maggiormente presenti tra gli elettori del Pd e dei Cinquestelle, ma ne troviamo una buona quantità anche tra le fila degli elettori di Forza Italia e della LegaNord. Complessivamente, i contrari “senza se e senza ma” alla legalizzazione sono un terzo degli italiani, mentre un quinto resta in bilico tra le due posizioni.

Se è vero che nel Paese sull’argomento incontriamo delle maggioranze politicamente identificabili, è altrettanto vero che esso taglia tangenzialmente tutti i partiti. Gli elettori della LegaNord, ad esempio, appaiono divisi in due nette fazioni di peso equipollente, mentre quelli di Forza Italia risultano leggermente più schierati per il no (anche se di soli 4 punti). Nel Paese esiste, allo stato attuale, una maggioranza relativa (e non assoluta) a favore della legalizzazione, mentre le posizioni di netta contrarietà, nel corso del tempo, hanno perso parte della spinta propulsiva.grafico_3

Cambiando punto di osservazione e passando dalla politica alla dimensione generazionale, possiamo osservare che la faglia di separazione sulla legalizzazione scorre lungo l’asse dell’età. Tra gli under 34 anni, infatti, la maggioranza dei favorevoli è assoluta (56%), mente tra gli over 55 le posizioni avverse a ipotesi liberazioniste restano, di sei punti, superiori a quelle aperturiste. Anche in questo caso possiamo parlare di un’evoluzione nel tempo degli atteggiamenti, determinata dal permanere su posizioni di apertura da parte dei giovani e dell’accedere alle classi di età maggiori di quanti, negli scorsi venti anni, avevano già espresso posizioni favorevoli alla liberalizzazione.

grafico_4grafico_5

 

 

 

 

 

 

 

 

In piena coerenza con questa evoluzione troviamo il favore, da parte dell’opinione pubblica, dell’ipotesi della produzione e della vendita della cannabis sotto il controllo del Monopolio di Stato (sempre con il chiaro obiettivo di tagliare l’erba sotto i piedi alla criminalità organizzata).

Per completare il quadro è utile ricordare il favore, quasi unanime, per l’uso terapeutico della cannabis. In questi anni, quindi, è avvenuto un triplice processo di mutamento tra gli italiani. Si è infragilito il senso di pericolosità di questa sostanza e il suo essere anticamera all’uso delle droghe pesanti; si è via via de-ideologizzato il confronto, relegando le posizioni oltranziste alle parti minoritarie di entrambi gli schieramenti; si è insediato un senso d’inefficacia delle misure repressive, con l’insediarsi di un atteggiamento più pragmatico, volto ad affrontare il tema in modo razionale e con l’aspirazione a colpire e destabilizzare le fonti di reddito e gli spazi di manovra della criminalità.

Enzo Risso è direttore scientifico di Swg

Tabelle – Dati Swg

Indagine su un campione di 1000 italiani realizzata tra il 28 e il 30 luglio 2016

Vedi anche

Altri articoli