Camorra, archiviata l’indagine su Stefano Graziano

Politica e Giustizia
stefano-graziano1-770x470

Bonifazi: chiederemo danni a chi ci ha accostati alla camorra

Il gip del Tribunale di Napoli, Laura Alfano, ha accolto la richiesta di archiviazione della Dda nei confronti del consigliere regionale ed ex presidente del Pd campano Stefano Graziano, indagato per concorso esterno in associazione mafiosa.

In seguito alla notizia l’esponente democratico ha espresso “la propria gratitudine ai magistrati per la celerità con cui è intervenuto il provvedimento definitivo che esclude in maniera netta, come dallo stesso sempre dichiarato, il suo coinvolgimento nella vicenda oggetto di indagine”.

Sulla pronuncia del gip è intervenuto anche Francesco Bonifazi, tesoriere del Pd che su Twitter ha annunciato che il Pd “chiederá danni sede penale e civile a chi ci ha accostati a camorra”.

Dall’aprile scorso Graziano era stato al centro di una furibonda bufera mediatica a causa dell’ipotesi di reato contestato, secondo il quale l’esponente democratico aveva chiesto e ottenuto appoggi elettorali nel corso delle ultime elezioni del Consiglio regionale della Campania.  Allora neanche l’autosospensione immediata aveva frenato le polemiche. E’ stato necessario aspettare il 25 luglio scorso quando gli inquirenti della Dda di Napoli hanno chiesto l’archiviazione dell’accusa di concorso esterno in associazione camorristica. Archiviazione su cui oggi è stato posto l’ultimo sigillo.

Vedi anche

Altri articoli