Botti di fine anno. Come proteggere gli amici a quattro zampe

Animali
cuccioli

Cosa fare e non fare per gli animali durante lo scoppio dei petardi festivi. I consigli della Lega Nazionale per la difesa del Cane

Si avvicina la notte di San Silvestro 2015 e, come ogni anno, le festività portano gli immancabili botti di fine anno. Petardi e fuochi d’artificio sono una vera e propria tortura per gli animali che hanno una soglia uditiva molto più sviluppata e sensibile della nostra. Si possono quindi seguire alcune semplici regole che renderanno queste giornate piene di botti più sopportabili e meno pericolose per questi animali indifesi. Intanto la Lega Nazionale per la difesa del Cane lancia un appello a tutti a non utilizzare i botti e fornisce alcuni consigli dedicati a chi possiede un animale perché il Capodanno non diventi una notte da incubo per gli amici a quattro zampe.

Nei casi di animali anziani, cardiopatici o particolarmente sensibili ai rumori, rivolgersi con anticipo al proprio veterinario di fiducia. Altra regola fondamentale, assicurarsi che abbiano tutti gli elementi identificativi possibili (microchip e medaglietta con un recapito) per facilitare le ricerche in caso di fuga dell’animale spaventato dal rumore.

La prima regola è quella di non lasciarli da soli e in particolare all’aperto. Gli animali vanno tenuti all’interno delle abitazioni, in luoghi familiari e confortevoli. Bisognerà anche ‘bonificare’ quanto più possibile le stanze togliendo oggetti pericolosi con i quali, in un eventuale di attacco di panico, potrebbe ferirsi. L’ideale sarebbe accendere tv o radio durante i botti: in questo modo l’animale si potrebbe distrarre.

Altro accorgimento importante è quello di chiudere porte e finestre di balconi e, se si avranno ospiti in casa, informare questi ultimi delle misure adottate.
Se il cane resta a casa da solo: lasciare le luci accese, le porte aperte e almeno due stanze a disposizione: il suo giaciglio deve essere ben raggiungibile e si dovrebbero inibire i nascondigli troppo angusti per evitare che si ferisca per entrarci, lasciare, inoltre, a disposizione i suoi giochi, qualcosa da rosicchiare e la ciotola dell’acqua (anche se, quando un cane è spaventato, non mangia e non beve).
In qualsiasi caso, comunque, la soluzione migliore sarà che il padrone rimanga con il proprio cane o gatto e lo faccia sentire più al sicuro possibile.

Vedi anche

Altri articoli