Boschi: “Non cambieremo l’Italicum”

Riforme
Il ministro per le Riforme Maria Elena Boschi a 'L'intervista' di Maria Latella su Sky Tg24, 12 giugno 2016.
ANSA / US SKY TG24
+++ANSA PROVIDES ACCESS TO THIS HANDOUT PHOTO TO BE USED SOLELY TO ILLUSTRATE NEWS REPORTING OR COMMENTARY ON THE FACTS OR EVENTS DEPICTED IN THIS IMAGE; NO ARCHIVING; NO LICENSING+++

Ospite di Maria Latella: “Con il No si torna alla palude”

No, non cambieremo la legge elettorale. Mi spiace, nel caso, per Scalfari. E non è vero che aumenti il potere del presidente del Consiglio”. Con queste Maria Elena Boschi chiude la porta ad un eventuale cambio della legge elettorale.

Il ministro sollecitata da Maria Latella risponde chiaramente sulla proposta fatta da Scalfari ieri nell’incontro con il presidente del Consiglio Matteo Renzi sulla necessità di cambiare la legge elettorale. Maria Elena Boschi poi si concentra sul referendum di ottobre e sulla possibilità di vittoria del No: “l’Italia ripiomberebbe nell’instabilità, in quello che abbiamo vissuto negli ultimi anni, nella difficoltà di formare un governo. Che immaginiamo un governo M5S-Fi? Non avremo le riforme, non avremmo i 14 miliardi di flessibilità che l’Europa ci ha riconosciuto perché facciamo le riforme. Torneremmo alla palude, a non fare niente”.

Poi sulle dimissioni annunciate da Renzi nel caso di vittoria del No domanda: “Io capisco che ci viene chiesto cosa faremo se dovessero vincere i ‘no’. Ma mi chiedo come mai nessuno chiede a Salvini a Di Maio o a Brunetta che cosa faranno loro, qualora dovessero vincere i ‘sì, scommetto che inventeranno un sacco di scuse per dire che loro non se ne vanno”.

E’ una Boschi a tutto campo dalle amministrative: “possiamo vincere a Milano, a Roma e nelle altre città” alla candidatura olimpica: “sono assolutamente a favore delle Olimpiadi a Roma”, perché “Roma è la Capitale, non possiamo limitarci a coprire le buche, bisogna pensare in grande”.

Infine smentisce la possibilità che diventi il vicesegretario unico del Pd: “Guerini e Serracchiani stanno facendo un grande lavoro” e annuncia che delle scelte sul partito, sui suoi vertici “ce ne occuperemo dopo il secondo turno all’interno della segreteria nazionale”

Vedi anche

Altri articoli