Bersani: “Sbagliato andarsene. Senza il Pd il centrosinistra non lo fai più”

Pd
bersani-30-08

Pier Luigi Bersani dice la sua sulla manovra e sui movimenti interni al Partito Democratico

“Se io resto nel Pd non lo faccio perché ho una nostalgica passionaccia per la ditta, per motivi sentimentali. Lo faccio perché senza il Pd il centrosinistra non esiste, perciò mi chiedo come fanno altri a pensare di costruirlo fuori dal Pd. La mia idea d’Italia sta qui. E se gli elettori abbandoneranno il partito, temo sia più facile che finiscano nelle braccia di Grillo piuttosto che in quelle di una sinistra che non è nel Pd”. Queste le parole di Pier Luigi Bersani intervistato da La Repubblica. 

L’ex segretario del Pd parla soprattutto della manovra: Bersani dice che non è il male assoluto, anche se giudica un po’ ipocrita “il balletto diplomatico sulla sanità pubblica: duecento milioni sono tagli agli sprechi, dodici miliardi in tre anni sono il colpo di grazia, sparirebbe. Davanti alla salute per me non c’è nè ricco nè povero. Se un pensionato viene costretto a pagarsi la risonanza magnetica spende l’equivalente di due Tasi”.

Ma è sulla questione antievasione che continua a pungolare sulle scelte fatte dal governo: “Chi sa leggere la manovra, dalla Corte dei conti a Bankitalia all’ufficio parlamentare del bilancio, esprime garbatamente una preoccupazione: oggi si fa una scommessa ardita ma dal 2017 può essere rimesso in discussione il percorso di risanamento. Allora, se vogliamo discutere sul serio, esiste un solo modo per mettere in sicurezza i conti: prendere, nel 2016, almeno un pezzo del programma antievasione proposto dal Nens. Solo così, tra clausole di salvaguardia, sovrastima dei tagli e andamento del deficit, proteggi i conti pubblici”.

Anche sulla crescita, Bersani è convito non sia sufficiente: “La crescita c’è, anche se a livello embrionale. Non basta dire: ho portato il bel tempo. Sa che fa la gente quando c’è il sole? Esce, si muove, si mette in libertà, va un po’ dove gli pare. Occorre togliere gli impedimenti alla crescita. Si fa con investimenti pubblici e privati, il lavoro viene solo da lì. L’altro aspetto è la disuguaglianza, quella impedisce la crescita vera. In Parlamento, adesso, rafforziamo ciò che c’è di buono e correggiamo ciò che è sbagliato”.

Infine sulla scelta di chi ha abbandonato il Pd è convinto che l’uscita di D’Attorre e Fassina sia un errore:
“Riconosco che la nostra posizione debba essere più netta, più visibile ma credo che l’alternativa noi dobbiamo costruirla nel Pd. Non sarò io, ovviamente. Sarà un altro e vedremo chi. Ma ho anche qualcosa da dire a quelli che se ne vanno”. “Loro escono dicendo che vogliono costruire un nuovo centrosinistra. Ma dove? Senza il Pd il centrosinistra non lo fai più. Se il Pd fosse irrecuperabile, quella prospettiva verrebbe cancellata, punto. E se è così la nostra gente va prima da Grillo che nella sinistra nascente”.

Vedi anche

Altri articoli