Berlusconi spiato, Boschi: “Inaccettabile, serve chiarimento urgente”

Sicurezza

Il ministro per i Rapporti con il Parlamento in aula per il question time alla Camera: “Inaccettabile immaginare un’attività intercettiva nei confronti di un governo alleato da parte degli Usa”

“Il punto di novità, laddove venissero confermate le indiscrezioni della stampa, è l’attività svolta su soggetti collegati al governo italiano: sarebbe chiaramente per noi inaccettabile immaginare un’attività intercettiva nei confronti di un governo alleato da parte degli Usa e richiede sicuramente un urgente approfondimento”. Lo ha detto il ministro per i Rapporti con il Parlamento Maria Elena Boschi, rispondendo al question time della Camera ad una interrogazione del gruppo di Forza Italia sulle intercettazioni della National Security Agency ai danni di stretti collaboratori dell’allora presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Il ministro Boschi ha ricapitolato la vicenda, ricordando che le intercettazioni riguardavano in particolare “tre utenze, due riferibili a consiglieri del presidente del Consiglio pro tempore, una all’ambasciatore italiano presso la Nato”. Intercettazioni “riferibili alla Nsa che dunque confermerebbero quanto già noto rispetto ad un interesse di organismi statunitensi sia verso governi alleati, sia verso istituzioni europeee e altri organismi internazionali”.

“Per far chiarezza rispetto all’eventuale attività che può essere stata svolta mediante verifiche di flussi internazionali o con altre modalità non ancora non accertate, comunque all’insaputa di organismi nazionali da parte di sogggetti stranieri – ha concluso Boschi – ieri è stato convocato alla Farnesina l’ambasciatore statunitense per chiedere chiarimenti. Continueranno altri approfondimenti anche attraverso canali tecnici di collaborazione anche con gli Stati Uniti e tutti gli elementi che dovessero emergere sarebbero prontamente riferiti dal governo anche in sede parlamentare”.

Vedi anche

Altri articoli