Battiquorum per Grillo: c’è ansia per racimolare 100mila voti sul Non-Statuto

M5S
quorum

I precedenti non sono certo incoraggianti: per togliere il nome di Grillo dal simbolo votarono 40.995 iscritti, per sancire la nascita del direttorio 37.127

 

“Votate,votate, votate! I quesiti sono tre: votate subito a tutti e tre!”. Manca meno di un mese per votare on line e cambiare il cosiddetto “Non Statuto”. Così per scuotere e stimolare gli accessi è sceso in campo direttamente Beppe Grillo. Ieri campeggiava  sul blog l’appello del leader che invitata: “Dovete votare subito perché questa votazione è importantissima. È vitale per il Movimento 5 Stelle”.

Un concetto ribadito sulla sua pagina Facebook: “L’aggiornamento del Non Statuto è relativo all’integrazione messa nero su bianco con il regolamento del M5S, di modo che nessuno possa dire che non è così. Il regolamento protegge me, protegge il M5S da questa gente che va fuori delle regole, e abbiamo delle possibilità: mandarli via, non mandarli via, e se mandarli via oppure richiamarli in tutti e due i casi”, spiega Grillo che sottolinea: “Chi va contro le regole non deve restare all’interno della comunità. Non sarò solo io a decidere delle espulsioni: il nuovo regolamento prevede tre probiviri eletti dalla rete”.

Un’attività promozionale che fa emergere un timore ben preciso: non raggiungere il quorum. Infatti la soglia da raggiungere è quella della partecipazione del 75 per cento degli utenti. Ma pare che la partecipazione finora non sia stata quella attesa. L’ok degli iscritti darebbe finalmente mano libera a Grillo e alla Casaleggio Associati srl sul controllo dei dissidenti, dei critici o semplicemente dei non perfettamente allineati. Per questo c’è il tentativo di precisare e chiarire le procedure delle espulsioni e delle sanzioni disciplinari. E mettere un paravento come spiega Grillo in un video alle querele ricevute: “Non sarò solo io a decidere delle espulsioni: il nuovo regolamento prevede tre probiviri che prenderanno questa decisione, in alcuni casi assieme a me in altri in totale autonomia”. I tre probiviri — ha precisato Grillo -“faranno da paravento anche a me, perché ricevo una querela al giorno”.

In base alle cifre rese pubbliche a Imola, lo scorso ottobre, da Gianroberto Casaleggio che aveva parlato di “130 mila iscritti”, la soglia da superare sarebbe quella dei 100 mila voti on line. 

I precedenti non sono certo incoraggianti: per togliere il nome di Grillo dal simbolo votarono 40.995 iscritti, per sancire la nascita del direttorio 37.127 (casi in cui il quorum non era necessario).

Vedi anche

Altri articoli