Arrestato super-ricercato Mohamed Abrini, uno degli autori della strage di Parigi

Terrorismo
La polizia belga (www.police.be) ha emanato un mandato d'arresto internazionale per Mohamed Abrini, 30 anni, filmato l'11 novembre, due giorni prima degli attacchi, alle 19 assieme a Salah Abdeslam nella pompa di benzina a Ressons, sull'autostrada in direzione di Parigi. Abrini era al volante della Renault Clio usata negli attentati. ATTENZIONE LA FOTO NON PUO' ESSERE PUBBLICATA O RIPRODOTTA SENZA L'AUTORIZZAZIONE DELLA FONTE DI ORIGINE CUI SI RINVIA +++

Secondo quanto scrive la Vrt Abrini potrebbe essere l’uomo con il cappello del commando che ha colpito l’aeroporto di Bruxelles

Uno dei super-ricercati per le stragi di Parigi, Mohamed Abrini, è stato arrestato, secondo quanto scrive la Vrt.

Il Dna di Mohamed Abrini, ricercato per complicità nella preparazione degli attentati di Parigi, è stato ritrovato nell’appartamento di rue Max Roos a Schaerbeek, Bruxelles, quello dal quale si erano mossi i kamikaze degli attentati all’aeroporto di Bruxelles del 22 marzo.

L’uomo che è stato arrestato assieme ad Abrini, di cui non si conosce il nome, sarebbe colui che ha acquistato al centro commerciale City2 le borse poi servite per gli attentati nella capitale belga, riporta la Rtbf. Secondo la radiotelevisione fiamminga VRT ci sono buone probabilità che Abrini sia il cosiddetto “uomo del cappello”. Già conosciuto alla polizia per furto e detenzione di stupefacenti, Abrini è un amico d’infanzia di Salah Abdeslam. Si era recato in Turchia nel 2015 e probabilmente era anche andato in Siria.

Anche una seconda persona è stata arrestata nel blitz che ha portato alla cattura di Mohamed Abrini ad Anderlecht. Secondo quanto riporta l’emittente fiamminga Vrt, si tratta di Osama Krayem che si presume essere la persona vista insieme a Khalid El Bakraoui nella metro Petillon prima dell’attacco alla stazione Maelbeek a Bruxelles del 22 marzo.

Il trentenne con doppia nazionalità belga-marocchina, era stato filmato proprio in compagnia di Salah in una stazione di servizio 48 ore prima degli attentati. I due erano a bordo di una Clio, la stessa auto utilizzata durante gli attacchi. Su Abrini pende un mandato di cattura internazionale, diramato dalla polizia belga.

Dopo la cattura di Salah diventa ufficialmente il terrorista più ricercato d’Europa. Il ruolo di Abrini negli attacchi di Parigi non è ancora chiaro, ma è certo il suo coinvolgimento.

La procura belga ha confermato che “vi sono stati diversi arresti nel corso della giornata nel quadro degli attentati all’aeroporto nazionale e a Bruxelles”, ma non ha fornito le identità degli arrestati. “Per il momento – aggiunge la procura- è impossibile dire altro”. Altre informazioni saranno diffuse “più tardi”.

Vedi anche

Altri articoli