Apple sceglie il campus della Federico II di Napoli. Renzi: “Eccellenze valorizzate”

Innovazione
apple

Si chiamerà “iOS Developer Academy” e aprirà i battenti nell’autunno del 2017

“A gennaio con Tim Cook in visita a Palazzo Chigi, abbiamo annunciato che Apple aveva scelto Napoli come sede del primo Centro per Sviluppatori iOS in Europa. Dopo alcuni mesi di sopralluoghi, Apple ha finalmente scelto il partner istituzionale e il luogo: sarà il campus universitario della Federico II a San Giovanni a Teduccio, periferia est della città”. Ad annunciarlo è Matteo Renzi in un post sulla sua pagina Facebook dove spiega che la Accademy di Apple si chiamerà iOS Developer Academy e coinvolgerà tutto il sistema universitario campano.

I corsi presso l’Academy saranno gratuiti e una parte degli studenti potrà beneficiare di borse di studio, prosegue il presidente del Consiglio. “Siamo molto soddisfatti – dice ancora Renzi – perché una delle più importanti aziende globali ha deciso di investire al Sud, a Napoli, nel capitale umano, nei talenti straordinari dei nostri ragazzi. Se anche noi la smettiamo con il racconto senza salvezza del Sud e valorizziamo le eccellenze che sono cosi’ numerose, ce la possiamo fare, come ci dicono anche i dati Istat della settimana scorsa. Dalla Academy di Apple non usciranno solo sviluppatori iOS molto richiesti nel mercato del lavoro, ma anche giovani imprenditori che da un’idea vincente faranno nascere aziende che porteranno ricchezza e posti di lavoro. Sono certo – conclude – che il tessuto imprenditoriale locale sapra’ supportare e sostenere questa grande opportunità. Napoli e il Mezzogiorno sono luoghi fantastici per formarsi e per investire. Avanti tutta, tutti insieme”.

Ci sono voluti sei mesi, dall’annuncio della volontà di Apple di aprire il suo centro in Italia alla stipula dell’accordo, ma ora si parte. In questo periodo la società californiana ha inviato in più occasioni una delegazione Usa per procedere ai sopralluoghi necessari alla corretta realizzazione della struttura. Tra le richieste avanzate dalla Mela la creazione di un unico open space capace di ospitare aule destinate a quattro diversi scopi didattici.
Il primo è quello più tradizionale, destinato alla didattica frontale. Il secondo è destinato alla pratica, dove docenti e sviluppatori si confronteranno su specifici progetti. Il terzo alla parte più “creativa” e, infine, il quarto tipo destinato alle più tradizionali aule per incontri e videoconferenze.
Il nuovo ambiente, che sarà ospitato al terzo piano del campus universitario da 60mila metri quadrati a San Giovanni a Teduccio e sarà realizzato anche grazie al supporto tecnico del Dipartimento di Architettura partenopeo, sarà pronto per l’autunno del 2017 e potrà ospitare fino a 800 sviluppatori.

 

Vedi anche

Altri articoli