Allarme sui cinque foreign fighters già tornati in Italia Tutti al nord

Terrorismo
Controlli in Piazza San Pietro

La segnalazione di Dea e Fbi già analizzata dagli esperti. I rischi della rotta balcanica per il transito di uomini e armi

Cinque nomi. Cinque cittadini, di nazionalità musulmana ma residenti o con contatti in Italia, che sono stati in Siria per fare addestramento sul campo e sono tornati nel nostro paese negli ultimi mesi. Riguarderebbe queste cinque persone il warning lanciato dalla Dea americana, rilanciato dal Federal bureau of investigation di Washington e postato direttamente sul sito dell’ambasciata Usa per allertare i turisti americani rispetto soprattutto a tre indirizzi: piazza San Pietro a Roma, il teatro della Scala e il Duomo di Miano. Si tratta di cinque persone, tutti uomini, che risiedono per lo più nelle regioni del nord e che sono rientrati dopo marzo 2015 (dopo quella data, con l’entrata in vigore del decreto antiterrorismo, non sarebbero potuti partire) dopo aver vissuto l’esperienza dell’addestramento in uno dei tanti campi sparsi tra la Siria (soprattutto) e l’Iraq.

Continua a leggere

Vedi anche

Altri articoli