Al via I’Apple Academy a Napoli. Renzi: “Se riparte il sud, riparte l’Italia”

Tecnologia
apple

Gli studenti saranno i primi giovani europei ad avere accesso ai più recenti prodotti hardware e software di Apple

Si parte. E’ arrivato il tanto atteso taglio del nostro a Napoli per la Ios developer Academy, la scuola di formazione frutto dell’intesa fra Apple e l’Ateneo partenopeo “Federico II”. La scuola sarà frequentata dai 200 studenti selezionati nelle scorse settimane: saranno i primi giovani europei ad avere accesso ai più recenti prodotti hardware e software di Apple.

Il corso, che durerà nove mesi, si articola in due parti: la prima dedicata alle competenze per lo sviluppo di software su Ios, la seconda alla creazione di start up e alla programmazione di app. Il modello dell’ateneo è quello dei centri ricerca Apple: classi di grandi dimensioni a pianta aperta. “E’ una cosa nuova per noi”, ha dichiarato al Guardian Leopoldo Angrisani, professore universitario che ha contribuito alla realizzazione del centro. “Piccoli gruppi di studenti siederanno a tavoli rotondi dotati di sistemi acustici speciali in modo che il docente potrà comunicare con ogni desk individualmente. Tutti i corsi saranno tenuti in inglese, visto che sono pensati per essere aperti a ragazzi di tutto il mondo”. La competitività specifica Angrisani, “sarà una parte fondamentale del corso”.

Soddisfazione da parte del Presidente del Consiglio, fra i primi a sponsorizzare l’iniziativa

All’inaugurazione dell’ateneo di San Giovanni a Teduccio, alle porte del capoluogo partenopeo, il ministro per l’Istruzione e la Ricerca, Stefania Giannini che incontrerà Lisa Jackson, vicepresidente di Apple. A fare gli onori di casa, il rettore dell’università Gaetano Manfredi, il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca e il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris.

Vedi anche

Altri articoli