La politica onora Carlo Azeglio Ciampi. Mattarella: “Un grande italiano, un grande europeo”

Politica
5c38d322a649e0b3123c1eec6877bb98-016-kj6c-u430201036920553ale-1224x916corriere-web-sezioni-593x443

Domani e domenica la camera ardente in Senato nella Sala Nassirya

Si è spento all’età di 95 anni, in una clinica romana, l’ex Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi. Nato a Livorno nel 1920, Ciampi è stato il decimo presidente della Repubblica e in precedenza ha ricoperto molti ruoli, fra cui quello di presidente del Consiglio e Governatore della Banca d’Italia.

Aprirà domani alle 16 e chiuderà alle ore 20, per poi nuovamente riaprire domenica, dalle 9 fino alle 13, nella sala Nassirya al Senato, la camera ardente per il presidente emerito. Secondo quanto si è appreso, la volontà della famiglia sarebbe, invece, di celebrare le esequie in forma privata. Al momento, dunque, sarebbero esclusi funerali di Stato.

In tanti sui social stanno dimostrando il loro affetto ad un Presidente molto amato, che verrà ricordato per la sua umanità e normalità. Fra i primi a commentare il Presidente del Consiglio Matteo Renzi

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, non ha dubbi: ” Nessuno italiano lo dimenticherà“. “Gli italiani non dimenticheranno il presidente Ciampi. Continueranno ad apprezzarlo, e a considerarlo un esempio di competenza, di dedizione, di generosità, di passione. Ai suoi familiari e ai suoi amici, accanto al ricordo incancellabile dei momenti più intimi, il privilegio e la responsabilità di tenere viva la memoria pubblica di Carlo Azeglio Ciampi. Sono certo che tutte le Istituzioni saranno al loro fianco e daranno loro il massimo sostegno”.

Affettuoso ricordo anche del presidente emerito Giorgio Napolitano che in una nota ha ricordato non solo l’impegno e la passione politica di Ciampi ma anche la sua grande forza spirituale e morale: “E’ stata una straordinaria figura di italiano e di europeo. Nell’esprimere la sua personalità in sempre più alte funzioni ed esperienze, ha operato ininterrottamente al servizio dello Stato e dell’interesse pubblico. Ha ridato forza all’idea e ai simboli della patria. E nel sentimento comune degli italiani ha impersonato valori preziosi di probità, integrità morale, talento operoso e multiforme cultura, dedizione alle cause più nobili”.

Il Partito Democratico saluta con commozione il Presidente emerito, Debora Serracchiani e Lorenzo Guerini, vicesegretari del Pd, in una nota congiunta scrivono: “E’ stato un uomo delle istituzioni che ha servito il Paese nel senso più alto e nobile con competenza, rigore e misura. La sua lezione resta uno degli esempi più significativi della storia del nostro Paese e rimarrà impressa nella memoria di tutti gli italiani e nelle future generazioni. Un pensiero affettuoso va alla signora Franca e alla sua famiglia”.

Anche dal Governo arriva il cordoglio di tanti ministri

Ad esprimere la propria vicinanza alla famiglia Ciampi anche Romano Prodi che in una nota ha espresso il suo dolore: “Sono sempre stato colpito dalla sua carica umana e dalla sua autorevolezza. È infatti per queste sue grandi doti che gli sono stati affidati i compiti più alti proprio nei momenti di maggiore difficoltà del nostro paese. Ogni volta in cui era necessario fare uscire l’Italia da problemi che sembravano insolubili -ricorda l’ex premier- si è fatto ricorso alla sua saggezza e alla sua umanità. A lui e al suo impegno si deve la riscoperta dei simboli che rappresentano la nostra comune appartenenza e quel sentimento di unità che ci lega quali cittadini di una stessa nazione”.

La figura di Ciampi ha avuto un ruolo chiave per la costruzione dell’Europa, a ricordarlo anche il presidente della commissione europea Jean-Claude Juncker.

Non solo il mondo della politica è in lutto. Anche lo showman Fiorello, che per anni ha fatto l’imitazione del Presidente emerito, ha immediatamente scritto un tweet: “Imitato per anni. Ci chiamò in diretta a ‘W Radio2′. Dotato di ironia come tutti i Livornesi. Addio Presidente  #Ciampi”.

Vedi anche

Altri articoli