Addio a Gianmaria Testa, il cantautore ferroviere che raccontava gli ultimi

Musica
studio-bologna-maggio-2011-009

In tantissimi stanno esprimendo il loro cordoglio ricordando la sua attenzione per gli ultimi dai migranti ai poveri

Lutto nel mondo della musica: è morto il cantautore piemontese Gianmaria Testa, aveva 57 anni. Era stato lui stesso, lo scorso anno in una intervista a Repubblica, ad annunciare di essere affetto da un tumore non operabile. La notizia è stata data sulla sua pagina Facebook

testa

 

Testa è morto questa mattina nel Centro di Riabilitazione Ferrero di Alba (Cuneo), dove era ricoverato da alcuni giorni. Accanto a lui la moglie Paola e il cognato Oscar Farinetti che, al momento, non hanno voluto rilasciare alcuna dichiarazione.

Nato a Cavallermaggiore, dove aveva iniziato il mestiere di ferroviere, nel ’93 inviò la sua prima cassetta registrata al Festival di Recanati e vinse subito il primo premio. Poi otto dischi – Montgolfie’res (1995), Extra-Muros (1996), Lampo (1999), Il valzer di un giorno (2000), Altre Latitudini (2003), Da questa parte del mare (2006), il live “SOLO – dal vivo” (2009), Vitamia (2011) e l’ultimo live, Men at work (2013) – e più di 3000 concerti in Francia, Italia, Germania, Austria, Belgio, Canada, Stati Uniti, Portogallo.

Moltissime anche le collaborazioni con altri musicisti (da Enzo Pietropaoli a Paolo Fresu) e con attori o scrittori (da Erri De Luca a Marco Paolini). E’ stato autore anche di vari libri anche per i bambini (come Ninna Nanna dei sogni e 20 mila Leghe (in fondo al mare) con Gallucci editore).

de lucaIl 19 aprile con Einaudi uscirà il suo volume “Da questa parte del mare” con la prefazione di Erri De Luca.

E proprio da De Luca arriva il ricordo più sentito scritto sul suo sito dalla Fondazione Erri De Luca.

 

Vedi anche

Altri articoli