Addio a Ciampi: lunga fila alla camera ardente

Politica
camera_ardente_ciampi_13-k7fe-835x437ilsole24ore-web

Nella camera ardente alla spicciolata sono arrivate le alte cariche dello Stato, ma anche tante persone a rendere omaggio all’ex presidente

C’è una lunga e composta fila di cittadini fuori da Palazzo Madama, dove è allestita la camera ardente per l’omaggio a Carlo Azeglio Ciampi, presidente emerito della Repubblica scomparso ieri all’età di 95 anni. Nella camera ardente alla spicciolata sono arrivate anche le alte cariche dello Stato, a cominciare dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, accolto dal presidente del Senato Pietro Grasso. A seguire sono arrivati, tra gli altri, il premier Matteo Renzi, la presidente della Camera Laura Boldrini, ministri e delegazioni dei partiti.

Sul feretro, coperto da un drappo di velluto blu notte, è stata posata una semplice rosa rossa. Fuori dalla sala Nassiriya sono state disposte molte corone di fiori, tra le quali quella de “La tua città di Livorno”, della sindaca di Roma Virginia Raggi, del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, dell’associazione sportiva Livorno Calcio. C’è anche il gonfalone della Scuola Normale di Pisa, oltre a quello della città natale di Ciampi, Livorno.

Dopo Mattarella e Grasso, tra i primi ad arrivare sono stati Luigi Zanda, Gianni Letta, Claudio De Vincentis, Ignazio Visco, Pier Carlo Padoan, Paolo Cirino Pomicino, Giorgio La Malfa, Arturo Scotto.

Vedi anche

Altri articoli