Istat, ad aprile 51mila occupati in più

Lavoro
lavoro

Aumentano gli occupati e aumentano le persone che cercano lavoro, torna la fiducia in Italia

Ottimi i dati di aprile sull’occupazione, gli occupati tornano a crescere di 51mila unità su marzo e 215mila su aprile 2015. E’ quanto riporta l’Istat nella sua rilevazione mensile. Nello stesso tempo si registra una cospicua crescita della partecipazione al mercato del lavoro con un calo degli inattivi pari allo 0,8% (113mila unità) portando il tasso di inattività al 35,4%.

Questa crescita della partecipazione al mercato si registra principalmente nelle donne e nei giovani, segno che nel Paese è ritornata la speranza. Questo incremento spinge su anche il tasso di disoccupazione che torna a salire e si attesta all’11,7%. Sale anche la disoccupazione giovanile che ad aprile si attesta al 36,9%. Come dicevamo l’incremento del tasso di disoccupazione è dovuto alla diminuzione degli inattivi, un bel segnale di fiducia da parte del Paese, che dimostra come le cose stiano iniziando a cambiare.

La classe di età che ha avuto l’aumento di occupazione più consistente anche a causa della stretta della riforma Fornero sull’accesso alla pensione è quella over 50 con un aumento di 25.000 occupati sul mese e di 261.000 sull’anno. La classe tra i 35 e i 49 anni ha perso 5.000 occupati rispetto a marzo e 125.000 unità rispetto ad aprile 2015. La fascia di età tra i 25 e i 34 anni ha guadagnato 20.000 occupati sul mese e appena 6.000 su aprile 2015. Per i più giovani si registra un aumento di 11.000 occupati su marzo e di 74.000 rispetto ad aprile 2015.

Dunque il mercato del lavoro mostra segnali di ripresa e una volta assorbito il calo degli sgravi fiscali da 8mila a 3.250 euro l’anno per ogni assunzione a tempo indeterminato, la disoccupazione è tornata a calare, grazie anche agli effetti del Jobs Act che permettono maggiore flessibilità in entrata ed uscita.

 

Vedi anche

Altri articoli