27-28 agosto, Ventotene: cinque presidenti di Parlamenti Ue incontrano i giovani federalisti

Europa
marcovilla_lauraboldrini

I cinque Presidenti sono firmatari della Dichiarazione “Più integrazione europea: la strada da percorrere”, presentata il 14 settembre scorso a Montecitorio

Saranno cinque i presidenti di Parlamenti dell’Ue, compresa Laura Boldrini, che parteciperanno alla due giorni europeista in programma a Ventotene il 27 e il 28 agosto.

Nell’isola in cui Altiero Spinelli, Eugenio Colorni, Ernesto Rossi e Ursula Hirschmann concepirono il Manifesto ispiratore di un’Europa libera e unita, la Presidente della Camera dei deputati e i suoi omologhi – Claude Bartolone (Assemble’e nationale francese), Mars Di Bartolomeo (Chambre des De’pute’s lussemburghese), Milan Brglez (Državni zbor sloveno), Pío García-Escudero Márquez (Senado spagnolo) – parteciperanno ad un incontro con giovani federalisti provenienti da 13 Paesi dell’Unione.

 

“Un incontro che il referendum sulla Brexit e altri eventi, dalla crisi economica e occupazionale alla costruzione di nuovi muri- spiga una nota-caricano di nuovi significati. Con loro discuteranno della necessita’ di dare nuovo slancio all’integrazione europea, imprimendo una svolta sia alle politiche di austerità fin qui seguite dalla Ue con pesantissimi effetti sociali, sia all’attuale assetto istituzionale non più in grado di rispondere ai bisogni dei cittadini e alle numerose sfide globali”.

I cinque presidenti sono firmatari della Dichiarazione “Più integrazione europea: la strada da percorrere”, presentata il 14 settembre scorso a Montecitorio e fino ad oggi sottoscritta da 15 presidenti di Assemblee parlamentari di 13 diversi Stati membri.

 

 

La prima giornata si concluderà con il Festival letterario “Gita al faro”, al quale prenderanno parte gli scrittori Eraldo Affinati, Helena Janeczek, Nicola Lagioia, Igiaba Scego e Simona Vinci, che leggeranno dei loro racconti in chiave europeista scritti per l’occasione. L’indomani Presidenti e giovani andranno in visita al carcere di Santo Stefano, la storica struttura penitenziaria di fine Settecento nella quale furono imprigionati durante il ventennio fascista numerosi dissidenti, fra i quali Sandro Pertini e Umberto Terracini.

I cinque Presidenti sono firmatari della Dichiarazione “Più integrazione europea: la strada da percorrere”, presentata il 14 settembre scorso a Montecitorio e fino ad oggi sottoscritta da 15 presidenti di Assemblee parlamentari di 13 diversi Stati membri.

Sempre a Ventotene, ma il 21 agosto il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, la cancelliera tedesca Angela Merkel ed il presidente francese, Francois Hollande – secondo quanto scrive Il Mattino – domenica prossima saranno a Napoli dove ceneranno e trascorreranno la notte prima di imbarcarsi sugli elicotteri che li condurranno a Ventotene dove è in programma lunedì il vertice a tre. Un tavolo congiunto tra Prefettura e Questura – riferisce il quotidiano – si occuperà dell’adozione delle misure di sicurezza per le ore in cui i tre leader saranno a Napoli. Probabilmente, Renzi, Merkel e Hollande pernotteranno in un albergo del lungomare.

Sugli stessi temi, la Presidente Boldrini ha promosso sul sito della Camera, con la supervisione dell’Istat, una consultazione pubblica online che si chiuderà alla fine del mese. I suoi risultati verranno analizzati da un comitato di “eurosaggi”: studiosi, giornalisti e esperti esamineranno le risposte fornite alle sette domande del questionario e il 14 settembre, nel primo anniversario della Dichiarazione, presenteranno in una conferenza-stampa le richieste che vengono dai cittadini in materia di Europa.

 

Vedi anche

Altri articoli