200 giovani alla Ios Developer Academy di Apple. L’Università “Federico II” pubblica il bando

Tecnologia
epa04856578 Customers are silhouetted inside of an Apple store in Sydney, Australia, 22 July 2015. Apple reported a 33 per cent increase in earnings for the recent fiscal quarter, but investors were still worried when iPhone sales missed analyst estimates. Quarterly net income of 10.7 billion dollars (9.8 billion euro) topped the 7.7 billion dollars netted in the same quarter last year by a third, driven by 'record sales' of iPhones and Mac computers, the company said in an earnings release.  EPA/PAUL MILLER AUSTRALIA AND NEW ZEALAND OUT

Il bando è rivolto ai nati dal 1986 in poi e le domande potranno essere presentate fino al 1° agosto prossimo

Settimana dopo settimana la Ios Developer Academy destinata a formare i futuri sviluppatori Apple sta diventando una realtà. Proprio in questi giorni, infatti, il sito dell’Università “Federico II” di Napoli ha pubblicato il bando per la selezione di duecento studenti che parteciperanno all’Accademy della mela per l’anno accademico 2016-2017.

Possono presentare la domanda di partecipazione tutti i nati dal 1° gennaio 1986 in possesso del diploma di secondo grado o di un titolo equipollente qualora non conseguito in Italia. La selezione e aperta a tutti i cittadini  italiani, ai cittadini comunitari ovunque soggiornanti o ai cittadini non comunitari. Per inoltrare la domanda – esclusivamente online attraverso il portale www.iosdeveloperacademy.unina.it – c’è tempo fino al primo agosto prossimo, alle ore 12.00. 

I candidati che ambiscono ad essere tra i duecento che per primi parteciperanno al ciclo di formazione promosso da Apple, dovranno superare due prove. La prima è un test di valutazione selettivo delle competenze digitali e di programmazione. I candidati dovranno risolvere 30 quesiti a risposta multipla su argomenti di logica, algebra, informatica e linguaggio di programmazione (C, C++, Objective C, Swift).

Alla seconda prova saranno ammessi tutti coloro che avranno superato il primo test con un punteggio minimo di 30, fino ad un massimo di 300 ammessi. Chi sarà tra questi, dovrà affrontare un colloquio in cui verrà chiamato a risolvere in poco tempo un semplice problema logico.  Il test di valutazione si terrà a Napoli e saranno dichiarati idonei i candidati che, come si legge nel bando, “a valle del colloquio otterranno complessivamente una valutazione di almeno 65/100″.

 

 

Vedi anche

Altri articoli